Margherita Pentasuglia

“La passione per la fotografia nasce dalla foresta e dal mare. Sono cresciuta a contatto con la natura, e da sempre il desiderio di fermare nella mente l’immagine di scenari spettacolari e momenti perfetti disegnati dalla luce, è stato preponderante. Prima ancora di tenere fra le mani una macchina fotografica, ragionavo così, e il mio percorso in questo campo ha seguito molte vie prima di concretizzarsi in quello che oggi è il mio amatissimo lavoro. Studentessa insoddisfatta alla facoltà di lettere e filosofia, decisi di partire per un anno sabbatico in giro all’estero, fino alla classica domanda che prima o poi ogni genitore pone, arrabbiato, al proprio figlio inconcludente: – ma tu cosa vuoi fare nella vita?
Partii per Roma, dove mi trasferii per un anno intensivo che si concluse con un diploma presso la Scuola Romana di Fotografia, fra le più rinomate del paese. Dalla storia, alla fotografia contemporanea, dalla camera oscura alle  nuove tecniche, ebbi modo di esplorare a fondo questo fantastico mondo che finalmente faceva per me. Due giorni dopo l’esame, cominciavo la mia gavetta presso uno degli studi fotografici più in vista della provincia di Bari.
La fotografia di matrimonio è per me il connubio perfetto fra emozione e tecnica. Fotografa reportagista per indole, e inguaribile romantica e sognatrice, le mie doti fotografiche si esprimono al meglio tra trepidanti attese, emozioni uniche, feste e balli, e persone felici.
 Essere il tramite che rende possibile l’eternità di momenti magici, è per me una missione, e la gioia del mio lavoro. Ogni matrimonio è una dolce sfida da cui mi lascio travolgere, emozionandomi sempre, e vivendolo con gli sposi, con cui immancabilmente si crea un grande feeling! L’utilizzo della luce naturale, per restituire un ricordo reale dell’atmosfera di quel giorno, e il cogliere la spontaneità dei gesti senza l’utilizzo di pose, sono i capisaldi della mia filosofia: come quando ero bambina, credo che una fotografia debba avere la forza di restituire una sensazione, un profumo, un brivido, come fosse una macchina del tempo, capace in qualsiasi momento, di riportarci lì, precisamente in quell’istante unico, per renderlo unico ancora, e ancora…”

È con gioia che condivido con voi gli scatti che mi hanno permesso di ottenere la qualifica QIP  (Qualified Italian Photographer)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1
12

per modificare contenuto, accedere ai blocchi in basso

TYPE AND HIT ENTER
error: Content is protected !!